Una lista di persone che proprio non reggo. Perché a volte bisogna essere concreti.

 Quando non basta l’odio generalizzato

Non sopporto niente e nessuno.
Neanche me stesso. Soprattutto me stesso.
Solo una cosa sopporto.
La sfumatore.

Paolo Sorrentino – Hanno tutti ragione

 

Un po’  di tempo fa ero seduta al pub con amici ed è passata davanti a noi questa donna, che dire, fantastica: non puoi che essere fantastica per essere inglese e tatuarti la parola ODIO (in italiano) sul polpaccio. Le ho perdonato anche che fosse tamarra e avesse un’abbronzatura color mattone. Ecco ODIO. Mia madre mi ha insegnato a cercare di voler bene a tutti, mio padre ad essere tollerante, ma con questo non posso negare via siano delle categorie che proprio non posso soffrire.

Ecco una  lista, perchè a volte bisogna essere concreti. Non ci sono tutti, ovviamente.  

    • quelli che ti parlano a piedi nudi, perchè magari è estate, e mentre ti parlano si toccano le dita dei piedi.
    • quelli che dicono di scrivere e leggono un libro all’anno – se va bene – e magari è Baricco.
    • i viscidi – e parlo di tutti i viscidi del mondo.
    • quelli dell’apericena.
    • quelli che si chiamano “amore” “amore” “amore”. Tutto sto amore non so perché…
    • quelli che si fanno un autoscatto almeno  al giorno e lo mettono su Facebook.
    • quelli che ti aggiornano su Facebook che hanno l’influenza o il raffreddore.
    • quelli che pippano, ma “No l’acqua frizzante fa male, e la carne la mangio solo biologica”. 
    • quelli che stanno con la Palestina o Israele e non sanno manco dove stia Israele sulla carta geografica.
    • quelli che dicono che La Grande Bellezza è bello perchè lo dicono tutti.
    • quelli che non leggono un giornale, dico un giornale, manco se lo trovano abbandonato su un sedile del treno.
    • quelli che ascoltano la musica con le cuffie in bici per le strade Londra. Dico, ti fa schifo la salute?
    • quelli che fanno le code di notte davanti alla Apple per prendere l’ultimo modello di IPhone – Un 9310 a vita, vi darei!20140904-122007.jpg
    • quelli che si mettono la pelliccia. Non sono animalista, ma mi chiedo, nel 2014 c’è ancora bisogno della pelliccia?
    • quelli che hanno i Suv, ma i denti gialli.
    • quelli che prendono i biglietti dei concerti o degli spettacoli in anticipo di mesi e cosi’ tu – meno organizzato – non riesci mai a trovare un biglietto . Ma dico avete una vita? Vivete per comprare i tickets?
    • quelli che pensano che la Bignardi faccia delle belle interviste. Ussignur! Meglio Pippo Baudo. 
    • quelli che ringraziano per l’amicizia su Facebook. Guarda che non ti ha invitato a cena, ha solo cliccato su “accetta” e come minimo immediatamente depennato dalla bacheca. 
    • quelli che dicono che i dottori sono inaffidabili, che l’omeopatia è meglio e poi quando stanno male dove vanno? Dal dottore.
    • quelli che si fotografano con il libro in mano e lo mettono sulla pagina Facebook dell’autore. Possibile che anche l’acquisto di un libro sia l’occasione per dare sfogo al  narcisismo? E leggete sto libro e bon.
    • quelli che fotografano il cibo, e a volte i piatti sono veramente disgustosi da vedere.
    • le fighe e i fighi di legno.
    • quelli che soffrono di acuto vittimismo.
    • quelli che ogni giorno leggono Metro e si sentono informati.
    • quelli che pensano che la gelosia in amore sia sana.
    • i fidanzati/mariti che accompagnano le corrispettive fidanzate/mogli a fare shopping.
    • quelli che dicono che i drogati dovrebbero morire tutti e ogni giorno si fanno di Lexotan e gin tonic.
    • quelli che si tatuano la faccia di Michael Jackson, quelli che si tatuano la faccia dei figli.
    • quelli che sono contro le multinazionali, contro il sistema, e magari non lavorano e poi ti vengono a chiedere una sigaretta, e magari è una Marlboro, e loro la prendono, e poi  ti chiedono dei soldi, e glieli dai, e magari lavori per Mc Donalds.
    • quelli che fanno le liste. Basta liste. Anche questa lista.
    • quelli che pensano che Fabio Fazio faccia televisione di qualità.
    • quelli che bevono la birra analcolica e mangiano il gelato light. 
    • quelli che mettono le H a caso, e magari fanno anche gli intellettuali e ti illustrano le loro idee politiche.
    • quelli che ogni volta che ti vedono ti dicono “come sei dimagrito” o “come ti vedo bene”.
    • quelli che guardano le Iene con convinzione.
    • le Iene.
    • quelli che rispondono alle domande su Yahoo.
    • quelli che fanno le domande su Yahoo.
    • quelli che vendono. Beati quelli che non sono capaci di vendere niente a nessuno.
    • quelli che parlano ad alta voce al telefono sui mezzi di trasporto e a te tocca ascoltare cose di cui veramente faresti a meno.
    • quelli che hanno la doppia vita. Quella su Facebook e quella reale ( e la reale è sempre molto, molto peggio).
    • quelli che non hanno un’opinione, dico un’opinione.
    • quelli che hanno un’opinione su tutto.
    • i fashion bloggers. tutti.
    • quelli che ti dicono che sono vegetariani e poi ordinano un hamburger- “Ogni tanto devo mangiare la carne”. Allora NON Sei vegetariano.
    • le persone che straparlano di aborto.
    • quelli che fanno le code per andare a vedere i film dei fratelli Vanzina (ma sono peggio quelli che vanno a vedere  i film dei Muccino).
    • quelli che leggono le liste.

  20140904-122032.jpg

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...