In un mondo di Kardashian e Laure Pausini, sii una Janis (Joplin)!

 

Janis Joplin. The Queen of Blues. Ribelle, incazzata, distruttiva e costruttiva, saggia e infantile. Nel vedere i filmati delle sue interviste, delle sue uscite, mi son detta ma era una con cui uscire la sera (forse una sera che sarebbe diventata una settimana). Era una con cui divertirsi. Non solo era Janis Joplin – non che io debba starvi  a spiegare cosa sia stata musicalmente parlando- ma era viva, più viva di tanti vivi (infatti lei disse, a chi la rimproverava del suo uso smodato di alcohol ‘preferisco vivere dieci anni cosi, che passare tutta la vita come uno zombie’. Questione di scelte, certamente).

 

3114l

 

Ma io dico, uscireste mai a fare serata con Kim Kardashian o con quell’imbalsamata di Adele o con la Tatangelo? Una noia mortale, anche perché per contratto – credo – non possano ridere, ma debbano sempre mantenere quell’espressione fra ho qualcosa nel fondoschiena che mi irrigidisce e coniugi Arnolfini. Che dico, anche se ridi, non e’ che succede qualcosa, neh. E non credo abbiano bisogno che io consigli loro un dentista.

E invece Janis Joplin…Nel bel documentario Janis. Little Girl Blue,  Oh Janis Joplin. E’ tutto un muoversi, e ridere e gridare e parlare che ti viene voglia di stare sempre con lei. Anche se poi, non doveva passarsela proprio bene. Pativa la solitudine, non si adeguava la sera a tornare a casa da sola. “Onstage, I make love to 25,000 people – then I go home alone.” Voleva essere amata a tutti i costi da tutti e soprattutto da un lui, che non sembrava trovare. Ma insomma, nulla di strano, a ventanni. A ventanni è giusto essere romantici e un po’ disperati, anche se, morire come è morta lei, a soli 27 anni, quello penso superi il romanticismo.

giphy_(1)

Era un’autentica, la Janis. Non era etichettabile. Anche gli hippie che facevano gli hippie le stavano sulle balle, anche le femministe, che l’accusavano di essere troppo audace, troppo provocante, sessuale. “What are they talking about? I’m representing everything they want’.

Non mi rompete, io cerco solo di essere me stessa. “I don’t want to bullshit myself”.

Questa un passo di una lettera che scrive ai suoi genitori:

‘After you reach a certain level of talent, and quite a few have that talent, the deciding factor is ambition, or as I see it how much you really need – need to be loved, to be proud of yourself… I guess that’s what ambition is; it’s not all a depraved quest for position and money, maybe it’s for love. Lots of love’

I love you, Janis and always I will.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...