Dieci tipologie di profili Facebook da cui non puoi scappare.

Dal posta-cibo al dio dei cani.

 

Io e i cani. Le foto su Facebook: I figli vincono, ma se non si han figli, si mettono i cani. Se non si han cani, si mettono i gatti. Se non si han gatti, si mettono i cani degli altri. Giuro, da un giorno all’altro il vostro gatto non cambia. Giuro.

 

Ho figliato dunque sono. Aristide ha detto questo. Ecco Aristide dopo il bagnetto. Ecco Aristide che ride. Ogni scarrafone è bello a mamma sua, si dice, e non è una frase che ho inventato io.

 

10462456_10153642788002053_6872968460419405220_n

Con questa bellissima foto, vi auguro Buon Natale.

Il posta cibo. E’un feticista del cibo. Ci tiene veramente tanto a tenerci informati di quello che si ciba, ogni giorno. Anche se si tratta di un piatto di pasta al pomodoro su un tavolo bisunto e una foglietta di basilico rattrappita.

 

I selfie dipendenti. Conosco gente che si fa un selfie al giorno. Credimi un selfie al giorno, non leva lo psicologo di torno.

 

L’ intellettuale virtuale. Rompere le palle con i libri che si leggono, Bravo che leggi. Siam veramente contenti che sei capace a leggere. In questo gruppo ci son io.

birra

“Come essere un vero British”. Ho iniziato male. Un vero british mai prenderebbe una birra piccola.

Gli innamorati cronici. Foto del profilo; tu e lui. Foto in copertina: tu e lui. Messaggi d’amore sulla bacheca. Un amore shining, dato che spesso gli innamorati cronici 1. Vivono insieme 2. Mentre postano ste cose su Facebook sicuro si tartassano su Whatsapp. Io mi chiedo sempre, e se ti lasci? Che fai con tutto quell’amore virtuale sparpagliato?!

 

I posta frasi motivazionali tipo ‘Credi più in te stesso, ne sai più di quanto credi’con dietro un pony che vola. E poi ne sai più de che? Mah.   Uno studio in US  ha dimostrato quanto gli amanti di queste frasette siano generalmente più stupidi. Ma io dico, bisognava fare uno studio per capirlo?

 

I profili fantasma. Quelli che mai leverai dalla bacheca perche in effetti è come se non ci fossero. Ma magari spiano, neh.

 

I ‘too much information’. Quelli che dicono ai loro 1000 amici su Facebook proprio i cazzi loro.

 

I commentatori al cubo. Ci sballano a fare il commento del commento. I commentatori al cubo amano Morandi, Salvini e la Cuccarini.

 

Annunci